BOOMSTICK AWARD 2015!

boomstick2015-SmallE venne il giorno in cui anche io fui insignito del famigerato BOOMSTICK AWARD, il premio più bullo che la blogsfera possa mai assegnare a se stessa. Un incidente simile era già capitato con il posato Versatile Blogger Award, ma qui è altra storia. Qui sono motoseghe e armi da fuoco.

Il sommo inventore di questa supernova a moto perpetuo è Mr “G. Hell G.”, di Moonbase Factory, che ringrazio indirettamente anche per il banner del potere. Colei invece che mi ha nominato per il premio è la cara Aislinn, adducendo le seguenti motivazioni:

Andrea Atzori del blog omonimo – perché l’ho trascinato nel vortice degli abbracci – per tante e tante parole – perché sa.

Che dire. Nello spirito pulp-splatter dell’award ci sarebbero i margini per fraintendere largamente tutte e tre le affermazioni, ma le prendo per buone e lusinghiere e mando un bacione a distanza. 😉

Bando alle ciance. Prima di assegnare me medesimo l’award 2015, è dovere morale e legale ricordare le FAQ originali, che copio dal sito di Aislinn.

Cos’è il Boomstick? È il bastone di tuono di Ash ne L’Armata delle Tenebre. Una doppietta Remington, canne d’acciaio blu cobalto, grilletto sensibilissimo. Magazzini S-Mart, i migliori d’America. Perché un Boomstick? Perché il blog è il nostro Bastone di Tuono! Come si assegna il Boomstick? Niente di più facile: dal momento che in giro è un florilegio di premi zuccherosi per finti buoni (o buonisti) & diplomatici, il Boomstick Award viene assegnato non per meriti, ma per pretesti. O scuse, se preferite. Nessuna ipocrisia, dunque. E ricordate, il Boomstick non ha alcun valore, eccetto quello che voi attribuite a esso.

Come funziona?

Per conferirlo, è assolutamente necessario seguire queste semplici e inviolabili regole: 1) i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore. 2) i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione 3) i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto 4) è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come Hell le ha concepite.

Inoltre:

a) il premio può essere assegnato dai sette vincitori ad altrettanti blogger meritevoli, contribuendo a creare, come tutti gli anni, una delle più gigantesche catene di Sant’Antonio che la storia di internet ricordi b) premio e banner sono creazione di Hell, che quindi è giusto citare negli articoli relativi c) il Boomstick è un premio cazzuto. Se l’avete vinto non siete di sicuro delle mezze cartucce, ma… se non rispetterete le 4 semplici regole che lo caratterizzano, allora mezze cartucce diventerete e vi beccherete d’ufficio, in quanto tali, il celeberrimo Bitch Please Award.”

E veniamo ai nostri 7 malcapitati:

@ Perché ciò che scrive è distillato di caos primordiale.
@ Perché non è morto ciò che in eterno può attendere, ma con il volgere di strani eoni… Iä! ! ShubNiggurath! AAAAHHHH… *colpi di arma da fuoco*
@ Perché è un collega e faremo implodere il Multiverso.

@ Perché è uno di noi.
@ Perché è chino sul metodo Acheron e ne aspettiamo i frutti.
@ Perché pensa.

@ Per le cortesi visite reciproche al virtuale uscio di casa.
@ Perché ci si intende.
@ Per Ursula Le Guin e la sapienza perduta del “poco” ma con grazia.

@ Così, sulla fiducia. 😀
@ Perché mi ha soffiato la palma di autore più giovane (e talentuOso) di Acheron Books.
@ Perché aspettiamo con ansia ETERNAL WAR.

@ Perché detiene antichi saperi ma dovrebbe tornare nel mondo dei vivi, riprendere a scrivere Canti di Sangue e Amore e aggiornare il blog. 😉

@ Eh già, un’altra nomination. Perché sfido a trovare un lettore forte che non la segua.
@ Perché legge TUTTO…
@ … ma soprattutto Scott Lynch! 😀

@ Perché ci rivedo il mio blog: uno spazio in cui si tace molto e si parla solo quando si ha davvero qualcosa da dire.
@ Perché contagia serenità.
@ Perché con probabilità e con classe non condividerà il Boomstick Award. 😉

The end. E per chiudere con riflessione e molestia, vi lascio con un brano che anche Ash avrebbe apprezzatoPoint of Evanescence, da Temple of Knowledge dei Kataklysm, un concept album dai testi criptico-misterici di una bellezza abbagliante ma che riesco ad ascoltare dall’inizio alla fine solo una volta ogni dieci anni. E vi renderete conto del perché. Buon bastone del tuono a tutti.

A.

One response to “BOOMSTICK AWARD 2015!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *